Siamo stati in silenzio troppo a lungo e per farci perdonare oggi vi segnaliamo un articolo di D, settimanale de La Repubblica, che parla proprio di design low cost.                                                        Vi riportiamo qui di seguito alcuni indirizzi di negozi reali e sul web, dove poter trovare oggetti di design a prezzi scontati:

OUTLET

1) Casa Design Outlet temporary store ad Adria (Rovigo) propone dall’11 al 20 febbraio mobili di alta gamma scontati dal 52 al 70%.

2) Il primo Design Outlet Italiano, da 40mila mq, inaugurerà il 30 marzo a Santhià (Vercelli) e, oltre a includere anche le realtà emergenti del settore, offrirà ai visitatori la consulenza di esperti e qualificati interior designer.

3) Per quanto, invece, riguarda i Factory Outlet monomarca ce ne sono molti, tra cui quelli diDriadeFiam e Cappellini, che propongono vendite speciali in certi periodi dell’anno.

4) Lo spaccio Alessi di Crusinallo di Omegna (Verbania) espone prodotti di prima e seconda scelta e di fine serie a prezzi molto favorevoli.

5) L’Outlet Kartell di Noviglio (Milano) offre sempre sconti del 30% tutto l’anno e vendite promozionali periodiche ancora più convenienti.

ON LINE

1) Declub è un sito che propone, con sconti minimo del 30%, i prodotti di importanti marchi, come B&B Italia, Cappellini, Cassina, Dada, Molteni&C e Poltrona Frau.

2) Sulla sezione “eventi” del sito Webmobili si possono consultare le offerte di circa 1.600 rivenditori in tutta Italia.

3) Il sito Outlet Arredamento raccoglie 50 marchi di alta gamma con sconti anche del 50%.

4) L’iniziativa dell’azienda veneta Lago è davvero originale. Sull’apposito sito si può partecipare a una selezione alla fine della quale i prescelti dovranno mettere a disposizione il loro appartamento (i vincitori saranno coloro che proporranno il programma di eventi culturali e di intrattenimento più interessante). Lì arriveranno direttamente i mobili, scontati del 30-40%, e in cambio gli utenti metteranno a disposizione la loro casa, come fosse uno show room, organizzando incontri con artisti, reading letterari, etc… Nel 2011 questa iniziativa ha coinvolto 10 appartamenti che sono stati visitati da oltre 25mila persone.

Leggi l’articolo integrale:

d.repubblica.it/argomenti/2012/02/01/news/outlet_arredamento_sconti_e-commerce-827013/

Annunci

A tutti quanti noi, almeno una volta nella vita, sarà capitato di rattristarci un po’ davanti a un tavolino Lack o a una libreria Expedit, riflettendo sul fatto che la sorte ci avesse destinato proprio a loro anziché ad una lampada Flos o ad un divano di design.

Noi siamo qui per tirarvi un po’ su di morale!

Come abbiamo scritto già più volte, sosteniamo che gli oggetti Ikea abbiano una loro dignità e qualità, basta saperli scegliere e miscelare sapientemente.                                                                        A riprova di ciò, vi mostriamo alcune immagini delle due campagne che l’azienda ha realizzato per la promozione dei suo forni e di tutto il comparto accessori cucina, frutto entrambe della collaborazione tra l’agenzia Forsman&Bodenfors, il fotografo Carl Kleiner e la stylist Evelina Bratell.

La prima è datata 2011 e dopo l’enorme successo si è presto trasformata anche in un libro di ricette: Ikea homemade is best. L’idea è quella di decostruire alcuni piatti tipici svedesi, ispirandosi al concetto del montaggio fai da te: la distribuzione degli ingredienti sui piani a tinte pastello avviene con un rigore geometrico simile a quello della cultura nipponica, dando vita così ad un meraviglioso intreccio tra oriente e occidente

E nel 2012 gli accessori cucina!

Per saperne di più:

demo.fb.se/e/ikea/homemade_is_best

vimeo.com/16032355

carlkleiner.com

fb.se

…e presto altri consigli per voi su come arredare una casa in modo creativo con i mobili di Ikea.

Preparatevi, i nostri best of stanno per arrivare!

Oggi iniziamo parlandovi di arte: è nato infatti da pochi giorni Artmap, un nuovo sito che ha lo scopo di mappare e monitorare le gallerie e gli artisti di tutto il mondo.                                                           Ogni realtà artistica potrà iscriversi al sito, geolocalizzarsi, mandare news sulla propria attività, caricare immagini e video; insomma un vero e proprio art network, in cui poter prendere e scambiarsi informazioni.

E’ un’iniziativa intelligente ed innovativa: tenetela d’occhio, potreste scoprire una galleria della vostra città che non conoscevate prima o magari potrebbe diventare un’utile guida per i vostri futuri viaggi.

artmap.tv

La seconda segnalazione di oggi invece riguarda il nostro tanto amato tema del design low cost.

A Melbourne, nel popolare sobborgo di Fitzroyha aperto da circa un anno lo Slowpoke Cafe, progettato da Anne-Sophie Poirie, graphic designer e visual artist  francese, a capo dello studio Sasufi.

Uno dei muri del locale e il bancone, sono interamente rivestiti da scarti di legname, riciclo di vecchi parquet e avanzi delle falegnamerie. Anche il resto degli arredi non poteva non rientrare nella logica del riuso, e naturalmente è il frutto della ricerca nei vari mercatini delle pulci della zona.

Se passate da Melbourne e volete bervi un caffè:

 Slowpoke Cafe

157, Brunswick Street, Fitzroy, Melbourne

facebook.com/pages/Slowpoke-Espresso/221714874514535?sk=info

sasufi.net

Buongiorno a tutti! Anche se forse, vista l’ora, sarebbe meglio augurarvi buon pranzo.

Oggi vogliamo tornare a parlarvi di un tema che ci sta molto a cuore, nel caso non ve ne foste accorti…

Il riciclo. Riciclo di materiali, di arredi e, perchè no: anche di idee. In fondo innovare partendo da concetti passati è cosa usuale e umana.

Quest’oggi vi proponiamo il progetto della designer portoghese Ines Aia, si tratta di un caffè e ristorante nel cuore di Porto, ricavato all’interno di uno splendido appartamento del 19esimo secolo.

L’intento era quello di non snaturare il sapore caldo e familiare della casa, arredando ogni stanza con oggetti diversi e tutti di recupero. Un progetto sobrio ma di grande qualità, a budget contenuto, che sposa in pieno la nostra visione dell’architettura.

Se passate da Porto fateci un salto!

AIA
Espaço Artes Em Partes
Rua do Rosário 274 – 1.°, Porto

dezeen.com/2012/01/10/aia-coffee-restaurant-by-ines-aia

visitportugal.com

Siamo sempre più convinti che per fare del buon design non servano grandi materie prime:

è questo il caso del nuovo chiosco della Asop alla Grand Central di NY.

Il chiosco, progettato da Dennis Paphitis, direttore di Aesop e Jeremy Barbour, fondatore dello studio Tacklebox di Brooklyn, non è altro che l’insieme di 2000 copie del NY Times, tagliate a vivo e poggiate l’una sull’altra o sospese al soffitto.

Un’idea originale, creativa e a basso costo, cosa volete di più?

aesop.com

tacklebox-ny.com

nytimes.com